Quando la moda diventa seriale

Cinque serie tv (vecchie e nuove) da guardare

ugly-betty-copertina

Da tempo il mondo della moda e il mondo seriale si sono fusi, riuscendo a creare una visione reale, seppur in parte romanzata, del fashion. Che sia nell’Upper east Side, nel quartiere londinese Mayfair, oppure nel triangolo della moda a Milano, il fashion rappresenta una tematica importante e un argomento da trattare con serietà. In questo senso le serie tv hanno aiutato ad immaginare cosa significa vivere in una realtà, quella della moda, che parte dal basso e che riguarda tutti noi.

Vediamo quali sono (e quali sono state) le 5 serie tv che più di tutte sono riuscite a descrivere, sotto più punti di vista, la moda e il fashion e che ci hanno fatto sognare:

Sex and the city

Un classico nel mondo seriale che, dal 1998 al 2004, ha fatto sognare tante donne, entrando a far parte dell’immaginario collettivo e superando i confini newyorkesi fino ad arrivare in Italia.

La storia vede protagonista Carrie Bradshaw e le sue più care amiche Miranda Hobbes, Charlotte York e Samantha Jones, le quali vivono la loro vita da single circondate da ambienti fashion e alla moda. Ambientato a New York, la serie racconta la vita amicale e amorosa delle quattro amiche totalmente diverse tra loro: Carrie, voce narrante della serie, vive una storia d’amore con Mr. Big che andrà avanti nel corso delle varie stagioni con discussioni e rotture.

Samantha, intreccia numerose relazioni sentimentali, per lo più basate sul sesso. Dopo aver sconfitto il cancro, nell’ultima serie, deciderà di affrontare una relazione stabile con un attore teatrale molto più giovane di lei.

Miranda, avvocato di successo, vive la sua storia d’amore con Steve, che sposerà nell’ultima stagione.

Charlotte, famosa gallerista, è la più romantica del gruppo e, nel corso della narrazione, cercherà la sua storia d’amore.

Ciò che accomuna queste donne con caratteri così diversi è l’importanza che ognuna di loro da alla moda. L’armadio di Carrie, gli eventi esclusivi e i bar chic che le donne frequentano riescano a creare una visione del mondo del fashion molto particolare che ci fa venire voglia di partire per New York andare nel bar più esclusivo della città e ordinare un Cosmopolitan!

 

Scream Queens

Teen drama diretto da Ryan Murphy, la serie è una parodia dell’horror che cerca di risaltare i luoghi comuni del genere.

Ambientato nella confraternita delle Kappa Kappa Tau, vede protagonista Chanel Oberlin, ragazza ricca e popolare e il suo gruppo “Le Chanels”, amiche fedeli della protagonista. Tutta la serie si basa su degli omicidi seriali, ma ciò che caratterizza la serie è lo stile “ricercato” delle protagoniste, le Chanels (di nome e di fatto), le quali basano tutta la loro vita sul loro outfit e sulla moda, ricercando in maniera divertente l’esclusività, anche se un serial killer sta cercando di ucciderle.

GirlBoss

Serie nascente, prodotta da Netflix, racconta la storia di Sophia Amoruso, ragazza con problemi economici e appassionata di capi vintage, che fonda NastyGal, un portale e-commerce di vestiti vintage conosciuto in tutto il mondo della moda.  

Una serie che racconta una storia vera, utile per prendere spunto per qualche look retrò ma anche per capire che con una buona idea si può arrivare lontano e fare successo.

Ugly Betty

Forse la serie tv che più si avvicina al mondo della moda in senso letterale: ambientata nella redazione di una rivista fashion, la serie vede protagonista da una ragazza che, apparentemente, non ha niente a che fare con un tipo di ambiente estremamente competitivo. Grazie alla lettura di questa ragazza, in qualche modo distaccata rispetto all’ambiente in cui si trova, vengono descritti i lati positivi e negativi della moda, fatta di egoismo e “superiorità”, ma anche di tecnica e studio e belle esperienze che ti fanno venir voglia di diventare giornalista fashion.

Pretty Little Liars

Teen drama ambientato in una piccola cittadina americana, vede protagoniste quattro ragazze (Aria, Spencer, Hanna e Emily) coinvolte indirettamente nella scomparsa della loro amica Alison. Tra misteri, omicidi e bugie viene lasciato ampio spazio alla moda: gli outfit delle protagoniste vengono curati dalla prima all’ultima stagione, cambiando in base all’età dei personaggi. Hanna in particolare, dopo essersi diplomata, decide di prendere la carriera di Fashion Stylist, inizialmente come tirocinante, per poi lasciare una propria linea di abiti. 

lascia un commento
Vuoi maggiori informazioni sui corsi e servizi di Fashion Avenue Academy?

Compila i campi qui sotto per essere ricontattato subito.

Torna
all'inizio