Il Monocromo

“Yellow Memories” e “Serie di Maschere Sature”

monocromo

Vogliamo presentare ai lettori del Blog FAA i progetti di due nostre allieve, Giulia Brunati e Samuela Buttini. Le opere realizzate per percorso creativo nascondono nel titolo stesso la loro chiave di lettura: “Yellow Memories” e “Serie di Maschere Sature”. Vi abbiamo incuriosito?  

L’intervista
La Direzione Artistista FAA ha proclamato vincenti le vostre opere per il Contest “Monocromo” Volete  presentarvi e raccontarci dei vostri progetti?
Samuela: Siamo Samuela Buttini e Giulia Brunati, veniamo rispettivamente dalle province di Pescara e Monza, stiamo concludendo l’anno formativo per diventare Make Up Artist con Fashion Avenue Academy. I progetti che vi raccontiamo sono stati ideati per l’argomento trattato in percorso creativo sul monocromo. Il monocromo è caratterizzato dalla presenza o dall’utilizzo di un unico colore. Utilizzare un solo colore crea una sorta di annullamento dove non è più importante ciò che vediamo ma ciò che c’è dietro, in ognuno di noi sorgono domande ed emozioni differenti inoltre ci fa soffermare sui dettagli dell’opera.
Giulia: Abbiamo così realizzato la propria opera utilizzando un solo colore acrilico oppure diversi materiali sempre di un solo colore,annesse possibili sfumature. Un’ personale che  poteva andare a richiamare la nostra interiorità.

Scendiamo nel dettaglio. Giulia la tua “Serie di Maschere Satura” cosa rappresenta?
Giulia: Il lavoro presentato è lo scheletro di una classica maschera di carnevale ricoperta da un’infinità di “sorprese” che si trovano banalmente negli ovetti di cioccolato e che sono legati alla mia infanza anche se fino ad oggi erano stati da me riposti in una scatola. Ho deciso di renderne peculiare il loro scopo, così ho creato una vera e propria scultura che potesse ricordare quella delle maschere africane in legno in versione ‘’neo pop’’. Ho scelto un colore d’impatto, il blu metallizzato, e ho utilizzato una bomboletta spray. L’obiettivo era incuriosire lo spettatore e portarlo a domandarsi avvicinandosi all’opera, cosa componesse qull’ammasso che, da lontano sembra un unico oggetto. E’ stato bello notare che ogni osservatore da vicino coglieva particolari diversi e poteva avere sensazioni contrastanti, vedendoci anche forme astratte. Ho chiamato l’opera “serie” perchè vorrei continuare in futuro a realizzare queste maschere con diversi colori metallizzati e scoprirne l’impatto visivo e percettivo degli spettatori.

Venieamo a te Samuela e alla tua Yellow Memories. A cosa ti sei ispirata?
Samuela: Ho fatto molta ricerca, non solo sugli artisti che utilizzavano la tecnica monocromatica, come Kazimir Malevich noto per “Quadrato nero”, ma anche ricercato materiali e il significato del colore, lasciando però spazio alle emozioni. Proprio dalle emozioni ho tratto maggiore ispirazione. E’ stato divertente giocare con differenti texture lavorando il colore con le mani. Ho scelto il giallo perché è un colore molto vivace, acceso e trasmette gioia, inoltre mi suscita ricordi dell’infanzia. Come materiali ho scelto delle buste di plastica e dell’acrilico perchè combinandoli insieme creano volumi e giochi di luci e ombra, che vanno a risaltare ancora di più la matericità del lavoro.   

Credo che Giulia concordi con me, ideare e realizzare progetti artistici come questo, durante il nostro percorso accademico in Fashion Avenue Academy è importante, ci sprona a metterci in gioco con idee creative ed è efficace per la nostra crescita professionale come futuri professionisti dell’immagine.

 

lascia un commento
Vuoi maggiori informazioni sui corsi e servizi di Fashion Avenue Academy?

Compila i campi qui sotto per essere ricontattato subito.

Torna
all'inizio